header

Ortofrutticoli e cereali
FICO BIANCO DEL CILENTO

FICO BIANCO  DEL CILENTO
Lo sapevi che ...
Là dove finisce il lavoro del contadino, inizia la lavorazione del fico secco nelle varie specialità che caratterizzano la produzione autunnale. Dopo essere stati sterilizzati, inizia la lavorazione artigianale durante la quale i fichi vengono pressati a mano con la tecnica che in dialetto cilentano viene detta “impaccare”. L’usanza di impaccare i fichi ha attraversato le generazioni, tramandata da madre in figlia, giungendo a noi inalterata nello spirito della tradizione artigianale.
linea
Prodotto
La denominazione di origine protetta D.O.P. “Fico Bianco del Cilento” designa i frutti dei biotipi riferibili alla cultivar Dottato in particolare alla varietà locale diffusa nel Cilento col nome "Bianco del Cilento", coltivati nel territorio della regione Campania definito dal disciplinare di produzione. Il prodotto ammesso a tutela con la DOP può essere commercializzato solo allo stato essiccato e si può presentare sia con buccia che senza (fichi mondi).
linea
Assaggio

Molto dolce, consistenza pastosa con acheni prevalentemente vuoti, ricettacolo quasi interamente riempito, giallo ambrato.

linea
Caratteristiche

I fichi sono stati da sempre una notevole fonte di reddito ma anche alimento di base per le popolazioni locali in difficili periodi storici, grazie all’abbondanza degli stessi ed alla possibilità di conservarli per l’intero periodo dell’anno mediante l’essiccazione.
L’azione mitigatrice del mare, la barriera alle fredde correnti invernali provenienti da nord-est posta dalla catena degli Appennini, insieme alla buona fertilità del suolo e ad un ottimale regime pluviometrico rappresentano le ideali condizioni pedo-climatiche che hanno fatto sì che vi fosse una notevolissima diffusione della coltura nell’area considerata, cosa che ha caratterizzato sensibilmente il paesaggio rurale e permesso di definire il Cilento area vocata per la coltivazione del fico.
Questi elementi, uniti alla semplicità della coltivazione e al pieno adattamento della specie e della varietà all’ambiente pedo-climatico dell’area, contribuiscono a conferire, ai fichi essiccati cilentani quelle caratteristiche organolettiche (sapore, dolcezza, gusto prelibato e profumato) particolarmente apprezzate dai consumatori.
Inoltre, va posto giusto rilievo al fatto che la semplicità di coltivazione, la resistenza della pianta ad avversità fito-patologiche hanno permesso alla coltura di guadagnare le prime posizioni nell’indice di gradimento del coltivatore che ha così collocato questa pianta su tutta la propria azienda, in coltura specializzata o consociata.
Le tre tipologie poste in commercio hanno le seguenti caratteristiche:
- Fichi con buccia: colore uniforme da giallo chiaro a giallo;
- Fichi con buccia che abbiano subito un processo di cottura: colore uniforme da   giallo ambrato a marrone;
- Fichi mondi: colore chiarissimo tendente al bianco

linea
Come si ottiene

Come si coltivano. 
Le modalità e tecniche di coltivazione riportate nel disciplinare sono quelle che da secoli vengono correntemente adottate nell’area in questione.
Esse sono elementi della tradizione e parte integrante della cultura contadina locale che da sempre conferiscono caratteri di originalità ai fichi secchi identificati con la denominazione di origine “Fico bianco del Cilento”.
La particolare resistenza delle piante alla siccità e ai vari agenti patogeni non impone prescrizioni particolari in merito alle tecniche di coltivazione.
I sesti e le distanze di impianto possono essere variabili, fermo restando che la densità d’impianto non potrà superare le 700 piante ad ettaro.
Nei nuovi impianti le piante vanno però inserite secondo una distribuzione geometrica che preveda la costituzione di filari paralleli tra loro e di interfilari che consentano il transito delle macchine agricole.
Le forme di allevamento sono quelle a vaso libero, in uso tradizionale nella zona, e quelle recentemente proposte dalla ricerca che richiamano il vaso cespugliato e la siepe.
La produzione unitaria massima di fichi freschi non deve essere superiore a 19 t/ha di coltura specializzata. Fermo restando detto limite, in caso di coltura non specializzata, la produzione massima per ettaro degli impianti promiscui dovrà essere rapportata alla effettiva superficie coperta dalle piante di fico.
La raccolta dei fichi con buccia va effettuata quando i fichi sono stramaturi, mentre i fichi da destinare all’essiccazione senza buccia possono essere raccolti a non completa maturazione. Il periodo di raccolta va da fine luglio a fine settembre.
E’ ammessa la tecnica della puntura dei frutti e dell’inoliazione che va effettuata con prodotti naturali.
Come si trasformano. 
Il processo di essiccazione dei frutti riguarda esclusivamente i frutti interi, con o senza buccia, e deve avvenire con esposizione diretta al sole e/o con l’applicazione di tecniche coadiuvanti come la protezione dei frutti esposti al sole con tunnel in plastica con altezza minima di due metri e/o la bagnatura dei frutti in soluzione di acqua calda e sale al 2%.
Il prodotto, nelle varie tipologie commerciali sopra descritte, può essere posto in vendita anche dopo aver subìto trattamenti di cottura che ne imbruniscono la buccia.
Il processo di cottura dei frutti deve avvenire esclusivamente in forni ad aria calda.
E’ consentito l’impiego di eventuale farcitura con altri ingredienti, quali mandorle, noci, nocciole, semi di finocchietto, bucce di agrumi sempre che l’insieme non superi il 10% del totale del prodotto finito e che sia provata la provenienza di tali ingredienti esclusivamente dal territorio dell’area di produzione.
La farcitura va effettuata inserendo nei fichi essiccati, previa apertura longitudinale del frutto, gli ingredienti sopra descritti

linea
La storia

Le prime notizie sulla pianta di fico (Ficus carica) risalgono ad epoca molto remota: già nella piramide di Gizah, eretta nel periodo compreso tra il 4.000 e il 1.500 a.C., è stata rappresentata la raccolta dei fichi.
Gli antichi egizi hanno lasciato nei propri sarcofagi le descrizioni delle tecniche di salatura ed essiccamento al sole, nonché dei metodi da seguire nella costruzione di appositi edifici per conservarli a lungo.
La fama dei fichi greci era tale da trovarne le tracce perfino nei banchetti dei re dell’Asia minore. Si racconta che Serse (518 a.c.-456 a.c.), dopo averli gustati, dichiarasse guerra agli Ateniesi promettendo a se stesso di non mangiarne più fino a quando non si fosse impadronito del paese che li produceva.
In Grecia, dove il fico era chiamato “sykon”, la produzione era talmente attiva che fu necessario costituire un’apposita classe dirigente per controllarne il commercio, denominata "siconfanti". Infatti la loro introduzione è da attribuire ai coloni greci che in queste aree avevano fondato diverse città a partire dal VI° secolo a. C.  
In molti documenti appare evidente come il fico secco sia identificativo dell’area del Cilento. Essi sono stati da tempi remoti considerati beni di lusso o comunque voluttuari in quanto da sempre considerati vere e proprie leccornie, ricercatissimi da mercanti interessati a rifornire i mercati più ricchi del momento
Le piante di fico da millenni hanno caratterizzato il paesaggio campano ed in particolare del Cilento.
Autori dell’epoca romana e altri a seguire fino ai giorni nostri hanno decantato le caratteristiche dei prodotti agricoli del Cilento tra i quali i fichi essiccati.
L’attività di essiccazione dei fichi nel Cilento si è avvalsa, da secoli della stessa manodopera agricola impiegata nelle operazioni colturali e nella raccolta dei frutti dalla pianta. Si tratta di un processo produttivo elementare, una consuetudine che lega fortemente l’uomo alla zona e alle tradizioni tipiche locali.
Già Marco Porcio Catone detto il Censore (234 a.c.-149 a.c.) , e poi Marco Terenzio Varrone (116 a.c.-27 a.c.), raccontavano che i fichi essiccati erano comunemente utilizzati nel Cilento e nella Lucania come base alimentare della manodopera impiegata nei lavori dei campi. .
Nella metà del 1400 è documentata, nel "Quaterno doganale delle marine del Cilento” (1486), l’esistenza di una fiorente attività di produzione e commercializzazione di fichi secchi, avviati sui principali mercati italiani come alimento di pregio.
A partire dal XIX° secolo fiorirono nella zona vere e proprie aziende che, oltre a coltivare e produrre i fichi secchi, si ingegnarono per commercializzarli in Europa e negli Stati Uniti.
La raccolta dei fichi era affidata a mano d’opera femminile (le ficaiole) così come il loro confezionamento (le incollettatrici). Questa mansione permetteva alle donne di contribuire al bilancio famigliare pur con compensi assolutamente modesti, in funzione delle ore dedicate al lavoro.
Le giovani operaie nascondevano nelle confezioni dei bigliettini con i loro nomi e indirizzi, nella speranza che capitassero in mano a qualche “buon partito“ che le sposasse togliendole dalla miseria.
E’ facile capire come questa convivenza millenaria abbia condizionato fortemente la cultura locale, cosa che traspare dalla constatazione del ruolo principe svolto dalla pianta e dai frutti del fico, nelle espressioni idiomatiche, nelle storie, nelle fiabe ed in tutto ciò che è espressione dell’immaginario umano.
Nel marzo del 2006 ha ottenuto la certificazione DOP.

linea
Scheda tecnica
Origine
Il territorio dei seguenti comuni della provincia di SALERNO: COMUNI TOTALMENTE COMPRESI: Agropoli, Aquara, Ascea, Bellosguardo, Camerota, Casalvelino, Castel San Lorenzo, Castellabate, Castelnuovo Cilento, Celle di Bulgheria, Centola, Cicerale, Controne, Felitto, Giungano, Ispani, Laureana Cilento, Lustra, Montecorice, Monteforte Cilento, Ogliastro Cilento, Omignano, Perdifumo, Perito, Pisciotta, Pollica, Prignano Cilento, Roccadaspide, Rutino, Salento, San Giovanni a Piro, San Mauro Cilento, San Mauro la Bruca, Santa Marina, Serramezzana, Sessa Cilento, Stella Cilento, Torchiara, Torre Orsaia, Trentinara, Vibonati; COMUNI PARZIALMENTE COMPRESI: Albanella, Alfano, Altavilla Silentina, Capaccio, Castelcivita, Caselle in Pittari, Casaletto Spartano, Ceraso, Corleto Monforte, Cuccaro Vetere, Futani, Gioi Cilento, Laurito, Orria, Ottati, Moio della Civitella, Montano Antilia, Morigerati, Postiglione, Roccagloriosa, Roscigno, S. Angelo a Fasanella, Sapri, Serre, Torraca, Tortorella, Vallo della Lucania.

linealinea
Tipologia
Fichi con buccia; Fichi con buccia che abbiano subito un processo di cottura; Fichi mondi. Al naturale o farciti sono venduti in confezioni di diverse forme (cilindriche, a corona, sferiche, a sacchetto) con pesi tra 125 e 1.000 gr. Possono essere confezionati alla rinfusa, in cesti realizzati con materiale di origine vegetale, con pesi da 1 a 20 kg. I fichi essiccati possono essere aperti ed accoppiati uno sull’altro dalla parte della polpa in confezioni da 125 a 1.000 gr. possono presentarsi, inoltre, infilati con spiedini di legno Le confezioni possono essere abbellite con foglie di alloro.

linealinea
Utilizzo
Al naturale, farciti (con mandorle, noci, nocciole, semi di finocchietto, bucce di agrumi), al forno, ricoperti di cioccolato, immersi nel rum.

linealinea
Valori Energetici
Valori nutrizionali per 100 grammi di prodotto al naturale: Energia K.Cal 256 KJ. 1070 Acqua 19.4 g Proteine 3.5 g Lipidi 2.7 g Carboidrati 58.0 g di cui Zuccheri solubili 58.0 g Fibra 13.0 g di cui Fibra solubile 1.94 g di cui Fibra insolubile 11.01 g Acido Fitico 0.40 mg Sodio 87 mg Potassio 1010 mg Ferro 3.0 mg Calcio 186 mg Fosforo 111 mg Vitamina B1 (Tiamina) 0.14 mg Vitamina B2 (Riboflavina) 0.10 mg Vitamina PP (B3 o Niacina) 0.60 mg Vitamina A ( Retinolo eq.) 8 mg

Indirizzi Utili
CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FICO BIANCO DEL CILENTO D.O.P.
C/o sede comunale, P.zza Municipio, 1 - 84060 PRIGNANO CILENTO (SA)
Tel.0974831039 – 0974831444

linea




back