header

Ortofrutticoli e cereali
MELA ROSSA CUNEO

MELA ROSSA  CUNEO
Lo sapevi che ...
L’elevata ed equilibrata composizione in vitamine e sali minerali rende la mela l’integratore alimentare per eccellenza. L’elevata presenza di polifenoli, agenti antiossidanti nemici dei radicali liberi, aiuta a rallentare l’invecchiamento delle cellule e l’insorgere di varie patologie come le malattie dell’apparato cardiovascolare e le formazioni di neoplasie.
linea
Prodotto
Le mele denominate “Mela Rossa Cuneo” IGP vengono prodotte utilizzando esclusivamente i gruppi varietali di mele Red Delicious, Gala, Fuji, Braeburn.
linea
Assaggio

Red Delicious: consistenza fondente, aromatica e dolce;
Gala: croccante e succosa, fine e soda, molto profumata;
Fuji: croccante, succosa e molto dolce, non aromatica;
Braeburn: croccante, succosa, acidula, molto aromatica.

linea
Caratteristiche

Alla qualità della colorazione rossa concorrono tre fenomeni fisico-climatici, che si verificano grazie all’unicum orografico costituito dalla balconata della stretta fascia di altipiano sospesa tra le Alpi Occidentali e la Pianura Padana.
L’ampiezza delle escursioni termiche circadiane nel periodo precedente la raccolta.
La contiguità da un lato alla catena alpina, dall’altro alla pianura padana – a partire dalla tarda estate e per tutto il periodo autunnale, in corrispondenza dell’evoluzione pre-raccolta della maturazione delle varietà che costituiscono la “Mela Rossa Cuneo” – determina escursioni termiche tra il giorno e la notte, con valori medi nel periodo pari a 13,8°C.
Tali valori rappresentano un’ampiezza insolita, rispetto a quelli generalmente registrati per la maggior parte delle regioni pomicole europee, sia montane sia di pianura, laddove gli sbalzi termici sono prevalentemente imputabili al rapido passaggio di perturbazioni meteorologiche.
L’umettamento della buccia, causato dalle gocce di rugiada che si forma nelle ore più fredde della notte, dà origine ad un ciclo di bagnatura/asciugatura.
Nell’area di pianura sottostante l’altipiano dove è prevista la coltivazione nei decenni passati era pratica comune aspergere con acqua refrigerata la chioma dei meli nelle notti in cui la temperatura non scendeva rispetto ai valori diurni. Si tentava in tal modo di imitare l’effetto di escursione termica e bagnatura del frutto, che avviene naturalmente sull’altipiano sovrastante.
Le “brezze di monte” a senso alternato mattino/sera accentuano e accelerano i cicli circadiani di temperatura e umettamento.
I fenomeni fisici sopra descritti interagiscono con la radiazione luminosa sulla formazione e sull’evoluzione degli antociani, i pigmenti antiossidanti responsabili del colore dell’epicarpo delle mele: le escursioni termiche sono strettamente correlate alla formazione dei pigmenti del colore.
L’estensione del colore percepibile dall’occhio umano dipende dalla percentuale di cellule con i pigmenti del colore, non già da una maggior o minor diluizione degli antociani nelle cellule.
Il ciclo di umettamento/asciugatura, determinando la qualità della radiazione luminosa, interagisce nel processo evolutivo degli antociani, a partire dai composti precursori fino ai fenomeni degenerativi.
Sotto il profilo pedologico, il territorio è ampiamente vocato alla coltura dei fruttiferi, ed in particolare del melo.
Secondo la “Carta dei suoli del Territorio frutticolo piemontese occidentale” si incontrano terreni di origine alluvionale, più o meno recenti, a stratigrafia evoluta, dotati di orizzonti di accumulo limosi o più raramente argillosi, accomunati dalla presenza di un substrato ghiaioso relativamente superficiale.
I fattori ambientali, pedo-climatici, socio-economici e paesaggistici, in sinergia con l’opera dell’uomo che, grazie alle sue capacità ed esperienza, alla tradizione produttiva locale (ivi compresi il mantenimento delle tradizionali tecniche di coltivazione nel rispetto e nella tutela delle vallate e delle montagne cuneesi), contribuiscono a conferire alla “Mela Rossa Cuneo” caratteristiche uniche.
Caratteristiche per varietà. 
Red Delicious: 
epicarpo rosso intenso vinoso, con estensione ≥ 90% della superficie della buccia; esente da untuosità e rugginosità, confinata all’interno della cavità peduncolare; forma tronco-conica; calibro diametro ≥ 75 mm, oppure peso ≥ 180 g;  tenore zuccherino ≥ 11 °Brix; polpa color bianco o bianco crema, talora con sfumature e venature verde chiaro; consistenza fondente; durezza ≥ 5 kg /cm2;
Gala:  epicarpo rosso intenso brillante, con estensione ≥ 80% della superficie della buccia; distribuzione prevalentemente striata, talora sfumata; forma da sferoidale a
tronco-conica; calibro diametro ≥ 70 mm, oppure peso ≥ 160 g; tenore zuccherino
≥ 12 °Brix; polpa color bianco crema, soda, croccante e succosa, di fine tessitura;
durezza ≥ 5 kg /cm2;
Fuji:  epicarpo rosso da chiaro a intenso, con estensione ≥ 60% della superficie della buccia; forma da sferoidale a cilindrica; calibro diametro ≥ 75 mm, oppure peso
≥ 180 g; tenore zuccherino ≥ 12 °Bbrix; polpa colore bianco o bianco crema; soda, di tessitura fine croccante e succosa; durezza ≥ 6 kg /cm2;
Braeburn:  epicarpo dal rosso arancio al rosso intenso, prevalentemente striato, con estensione ≥ 80% della superficie; forma da sferoidale a tronco conica; calibro diametro ≥ 70 mm oppure peso ≥ 160 g; tenore zuccherino ≥ a 11,5 °Brix; polpa colore bianco o bianco crema; consistente, di tessitura fine croccante e succosa; durezza
≥ 6 kg /cm2. 

linea
Come si ottiene

Le distanze ed i sesti di impianto sono quelli normalmente utilizzati nell’area di coltivazione.
La densità massima di impianto non deve essere superiore alle 4.000 piante/ettaro, le forme di allevamento devono massimizzare la permeabilità della chioma alla radiazione luminosa, la quale rappresenta il fattore determinante al fine dell’ottenimento della tipica colorazione dei frutti.
La particolare brillantezza dell’epicarpo viene ottenuta attraverso gli indispensabili interventi di potatura, nella misura di un intervento invernale e di almeno un intervento di potatura estiva.
Tale secondo intervento è finalizzato a garantire la ottimale illuminazione dei frutti necessaria a far sviluppare la tipica colorazione dei frutti.
L’irrigazione può essere effettuata sia “per scorrimento”, sia con impianti di distribuzione localizzata, i quali consentono di dosare gli apporti agli effettivi fabbisogni idrici.
Al fine di ottenere la ottimale qualità e conservabilità, la raccolta è effettuata al raggiungimento del corretto grado di maturazione di ogni singola cultivar. Deve essere eseguita con un accurato distacco dei frutti.
L’inizio del periodo di raccolta coincide con il momento in cui il frutto raggiunge la colorazione rossa ottimale.
La produzione unitaria massima ammessa per la “Mela Rossa Cuneo” è di 60 t/ha.
La conservazione della “Mela Rossa Cuneo” IGP avviene, secondo i metodi tradizionali, attraverso la tecnica della refrigerazione, assicurando valori di temperatura, di umidità e di composizione atmosferica tali da preservarne le peculiari caratteristiche qualitative.
La commercializzazione deve essere effettuata esclusivamente nel periodo sotto indicato:
Gala da inizio agosto a fine maggio;
Red Delicious da inizio settembre a fine giugno;
Braeburn da fine settembre a fine luglio;
Fuji da inizio ottobre a fine luglio.

linea
La storia

La vocazione produttiva di mele a buccia rossa nel territorio è ben descritta nel documento elaborato dalla Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo (CN).
Il pensiero illuminista settecentesco fece nascere, in Piemonte, Accademie e Associazioni agrarie cui si deve una intensa attività di ricerca varietale, di diffusione di nuove cultivar e di messa a punto di tecniche colturali impostate su basi scientifiche.
Si crearono così le condizioni per la diffusione di varietà di mele a buccia rossa particolarmente apprezzate per la capacità di esprimere nell’ambiente cuneese una particolare intensità e brillantezza di colore.
Lo sviluppo della moderna melicoltura cuneese è riconducibile agli anni ’50 e ’60 del XX secolo e lentamente nel panorama varietale le mele a buccia rossa cominciarono ad espandersi fino a divenirne, ai giorni nostri, il gruppo prevalente.
Negli anni ’60 e ’70 la dicitura “Mela Rossa Cuneo” viene istituzionalizzata e comincia a comparire nei documenti contabili e nei fogli di viaggio del prodotto destinato al mercato interno; è di quegli anni la prima campagna promozionale riferita ad essa.
Negli anni ’80 accompagna in fattura le spedizioni di prodotto all’estero.
Negli stessi anni diviene oggetto di mostre pomologiche destinate ad un pubblico di frutticoltori professionali ma anche di consumatori e progressivamente consolida, nel primo decennio del XXI secolo, una sua identificazione commerciale in progetti di valorizzazione commerciale nei punti vendita della Grande Distribuzione Organizzata del nord ovest italiano.
Nel marzo 2013 ha ottenuto la certificazione IGP.

linea
Scheda tecnica
Origine
Comuni della provincia di CUNEO: Bagnolo Piemonte, Barge, Borgo San Dalmazzo, Boves, Brondello, Busca, Caraglio, Castellar, Castelletto Stura, Centallo, Cervasca, Cervere, Costigliole Saluzzo, Cuneo, Dronero, Envie, Fossano, Lagnasco, Manta, Martiniana Po, Pagno, Piasco, Revello, Rossana, Sant’Albano Stura, Salmour, Saluzzo, Sanfront, Savigliano, Scarnafigi, Tarantasca, Valgrana, Venasca, Verzuolo, Villafalletto, Villar San Costanzo. Comuni della provincia di TORINO: Bibiana, Bricherasio, Campiglione Fenile, Cavour, Garzigliana, Luserna S.Giovanni, Lusernetta, Osasco , S.Secondo di Pinerolo, Pinerolo.

linealinea
Tipologia
Extra, Prima. Le mele denominate «Mela Rossa Cuneo» devono essere confezionate in imballaggi o confezioni tali da consentire la chiara identificazione del prodotto, utilizzando tutti gli imballaggi ammessi dalla normativa vigente.

linealinea
Utilizzo
Prevalentemente fresco, trasformato in succo, in insalate miste, come ingrediente di primi (in particolare risotti), secondi (ottimo abbinato a carne di maiale o coniglio) e dolci (Torta di mele, Torta di pane e mele, Mele al Marsala, ecc ).

linealinea
Valori Energetici
Valori nutrizionali per 100 grammi di prodotto : Acqua (g) 86,9 Proteine (g) 0,4 Lipidi (g) 0,1 Carboidrati (g) 10,7 Amido valori trascurabili Zuccheri solubili (g) 10,7 Fibra totale (g) 1,7 Energia (kcal) 43; kj. 180 Sodio (mg) valori trascurabili Potassio (mg) 132 Ferro (mg) 0,2 Calcio (mg) 5 Vitamina C (mg) 5

Indirizzi Utili
CONSORZIO PER LA VALORIZZAZIONE E TUTELA DELLA MELA ROSSA CUNEO IGP
Via B. Bruni, 5 - CUNEO
Tel.0175 282313
www.assortofrutta.eu
info@assortofrutta.eu
linea




back