header

panetteria e Pasticceria
PANFORTE DI SIENA

PANFORTE DI SIENA
Lo sapevi che ...
L’origine del nome precede quello della sua invenzione, rifacendosi ad un dolce della cucina povera toscana, una focaccia di acqua e farina arricchita da miele e pezzi di frutta i quali, nelle stagioni più calde, avviavano un processo di fermentazione che inacidivano il prodotto: per Pan-forte si intendeva infatti pan acido. Nelle campagne di Siena, oltre a essere un gustoso dolce da mangiare, il panforte diventa anche un gioco. Il gioco del panforte consiste nel lanciare un panforte ben incartato il più vicino possibile al bordo opposto del tavolo. Vince chi si avvicina di più!
linea
Prodotto
L’Indicazione Geografica Protetta "Panforte di Siena" è riservata esclusivamente al prodotto dolciario ottenuto dalla lavorazione e successiva cottura in forno di un impasto a base di farina, frutta candita, frutta secca, miscela di zuccheri, miele e spezie.
linea
Assaggio

Sapore dolce, con retrogusto di frutta candita e mandorle ed un sentore di spezie, leggero nella versione bianca e molto intenso nella versione nera.

linea
Caratteristiche

Al momento dell’immissione al consumo, il  "Panforte di Siena" può presentarsi in una duplice versione:
- versione bianca, se la copertura è a base di zucchero a velo;
- versione nera, se la copertura è a base di spezie.
Caratteristiche fisiche:
- forma: tonda o rettangolare se commercializzato intero; a spicchi o quadrelli se commercializzato al taglio;
- dimensioni: altezza da 14 a 45 mm; per la forma tonda: diametro da 10 a 38 cm; per la forma rettangolare: da 10 a 20 cm (lato minore) e da 20 a 40 cm (lato maggiore);
- peso: variabile a seconda delle dimensioni, compreso tra 33 gr e 6 Kg;
- consistenza: pastosa, moderatamente resistente al taglio;
- aspetto esterno: la superficie è mossa e irregolare; versione bianca: il colore è bianco per il velo di zucchero che lo ricopre; lo zucchero a velo può essere contenuto in una bustina ed essere cosparso sul prodotto al momento del consumo; versione nera: il colore è marrone scuro per la copertura della miscela di spezie.
Caratteristiche chimiche:
- umidità massima:15% sul prodotto finito.

linea
Come si ottiene

Le condizioni di produzione del "Panforte di Siena", atte a conferire al prodotto le specifiche caratteristiche, devono essere le seguenti:
Ingredienti obbligatori.
Versione bianca:
- farina di frumento tipo ‘0’: in quantità compresa tra 14 e 18% dell’impasto;
- frutta secca: mandorle dolci intere e non pelate in quantità non inferiore al 18% dell’impasto;
- frutta candita: cedro candito tagliato a cubetti e scorze di arancia candite in quantità compresa tra 35 e 45% dell’impasto; il cedro candito deve costituire almeno il 25% della frutta candita impiegata;
- zuccheri: a scelta tra saccarosio, sciroppo di glucosio, zucchero invertito, impiegati singolarmente o in miscela tra loro, in quantità comprese tra 18 e 23% dell’impasto;
- miele: millefiori in quantità compresa tra 2 e 5% dell’impasto;
- spezie: noce moscata e cannella in dosi comprese tra 0,3 e 1,5%.
Altri ingredienti:
- zucchero a velo impiegato per la spolverizzatura del dolce;
- ostie di amido impiegate come base del prodotto.
Versione nera:
- farina di frumento tipo ‘0’: in quantità compresa tra 8 e 18% dell’impasto;
- frutta secca: mandorle dolci intere e non pelate in quantità non inferiore al 18% dell’impasto;
- frutta candita: melone candito tagliato a cubetti e scorze di arancia candite in quantità compresa tra 35 e 45% dell’impasto; il melone candito deve costituire almeno il 40% della frutta candita impiegata;
- zuccheri: a scelta tra saccarosio, sciroppo di glucosio, zucchero invertito, impiegati singolarmente o in miscela tra loro, in quantità comprese tra 18 e 23% dell’impasto;
- spezie: noce moscata, cannella e pepe dolce in dosi comprese tra 0,6 e 5%.
Altri ingredienti:
- miscela delle spezie precedenti per la spolverizzatura del dolce;
- ostie di amido impiegate come base del prodotto.
Ingredienti facoltativi
Versione bianca:
- frutta secca: nocciole granulate in percentuale non superiore al 1,5% sul totale dell’impasto;
- frutta candita: melone candito tagliato a cubetti in percentuale fino al 25% della frutta candita impiegata;
- spezie: un mix di macis, pepe, pimento, coriandoli, chiodi di garofano;
- aromi: vaniglia.
Non sono ammessi altri ingredienti, additivi, coloranti o conservanti.
Versione nera:
- frutta candita: cedro candito tagliato a cubetti in percentuale fino al 25% della frutta candita impiegata;
- spezie: un mix di noci moscate, coriandolo, anice stellato, chiodi di garofano, zenzero, pepe garofanato, peperoncino;
- aromi: vaniglia;
- caramello: in quantità non superiore al 2% dell’impasto;
- noci: in quantità non superiore al 5% dell’impasto;
- miele: in quantità non superiore al 5% dell’impasto;
- cacao per la spolveratura.
Non sono ammessi altri ingredienti, additivi, coloranti o conservanti.
Lavorazione della materia prima e ingredienti.
Impastatura.
Gli zuccheri sono disciolti in acqua e portati a cottura, miscelati con la frutta candita tagliata a cubetti, fino ad ottenere un composto omogeneo.
Terminata l’operazione, l’impasto viene travasato nell’impastatrice dove vengono aggiunte la frutta secca, la farina e le spezie. Si procede quindi alla mescola fino al completo amalgama degli ingredienti.
Porzionatura e modellatura.
L’impasto viene prelevato dall’impastatrice e porzionato.
Ogni singola porzione viene pesata su bilance, adagiata su ostie di amido e circondata da una fascetta di contenimento in carta alimentare.
Si procede quindi alla spianatura del prodotto e alla successiva immissione nel forno di cottura, avendo cura di effettuare preventivamente una spolveratura con un velo di farina.
Cottura.
La cottura del "Panforte di Siena" avviene in forno preriscaldato alla temperatura di 200-230°C per una durata di tempo variabile da 13 a 45 minuti in base alla pezzatura del prodotto.
Terminata la cottura, il prodotto viene lasciato raffreddare a temperatura ambiente o in cella di condizionamento.
Si eliminano poi la farina nonché gli sfridi dell’ostia e della fascetta di contenimento.
Il prodotto viene quindi spolverizzato con un leggero strato di zucchero a velo nella versione bianca, oppure con la miscela di spezie nella versione nera.
Lo spolvero con lo zucchero a velo può avvenire anche al momento del consumo.

linea
La storia

Simbolo della gastronomia senese, il Panforte ha una lunga storia che risale all’epoca medioevale.
I primi esempi di panforte sono, ad avviso degli storici, quei pani ricchi di pepe e miele che una cronaca del 7 febbraio 1205 cita come doni che servi e coloni erano obbligati a portare alle monache dell’Abbazia di Montecelso, località in provincia di Siena. L’abbondante presenza nell’impasto di ingredienti costosi come le spezie era tale da conferire all’atto di omaggio un alto valore simbolico.
Bisogna però giungere alla fine del ’400 per constatarne la fama. A ciò contribuì in modo determinante la via Francigena. che, aveva consentito ai prodotti tradizionali della gastronomia senese di giungere a Roma e presso le principali corti europee.
Il dolce si andava così affermando anche al di fuori del territorio senese quale prodotto raffinato, offerto sulle tavole dei ricchi e nelle occasioni importanti.
Il nome “Panforte” comincia ad essere attestato agli inizi dell’800.
Una importante testimonianza al riguardo è quella di uno dei più grandi poeti italiani: Ugo Foscolo (1778.1827). Nel 1813 dichiara di ricevere in dono da Siena dei “panforti” dalla nobildonna Quirina Magiotti Mocenni.
E’ in questo secolo che il dolce esce dall’ambito delle spezierie e se ne avvia la produzione su scala molto più vasta. Ciò ne consente anche la commercializzazione in maniera significativa al di fuori del territorio senese, in particolare nelle botteghe fiorentine.
La prima fabbrica di produzione del “Panforte di Siena”, ad opera di Natale Pepi, vede la luce nel 1810 a seguito della soppressione napoleonica della farmacia dell’Ospedale di Santa Maria della Scala.
Il nome “pan forte” è segnalato anche da Niccolò Tommaseo (1802-1874) nel suo Dizionario della Lingua Italiana (edito negli anni 1865-1874).
Sempre nell’800 il “Panforte” viene ricompreso dall’illustre gastronomo Pellegrino Artusi (1820-1911), nel suo testo fondamentale "La scienza in cucina e l’arte di mangiare bene" (1891), fra i dolci tipici di Siena (1891).
Da allora non c’è guida, italiana o di qualsiasi parte del mondo, che non lo citi come espressione tipica della gastronomia senese. Una menzione particolare al riguardo merita la guida del Touring Club Italiano del 1931, che ne conferma la grandissima reputazione: “La dolciaria senese si gloria di una specialità di rinomanza universale, il celeberrimo panforte di Siena”.
La versione bianca ha una precisa data di nascita, il 1879, quando, in onore della Regina Margherita (1851-1926) in visita a Siena per il Palio d’agosto, il dolce venne realizzato per la prima volta con un minor impiego di spezie e la copertura a base di zucchero a velo e venne ribattezzato “Panforte Margherita”.
Il suo immediato successo ne decretò fama indiscussa anche sotto il nome di “Panforte bianco”.
La preparazione del “Panforte di Siena” aveva inizio a settembre, quando era più facile recuperare alcuni ingredienti, come ad esempio la frutta secca, e proseguiva fino alla fine dell’anno. Il dolce era poi consumato durante le festività natalizie.
Il legame del “Panforte di Siena” con il Natale si è oggi trasferito ovunque. Tradizionalmente esso risale però ad una antica leggenda locale, raccontata da Giovanni Righi Parenti (1923-2006) nel suo “I dolci di Siena e della Toscana” (1991) e incentrata sul miracolo di un tozzo di pane trasformato in panforte proprio nella notte della nascita di Gesù Bambino.
Oggi il “Panforte di Siena” viene realizzato anche al di fuori delle tradizionali festività natalizie da diversi laboratori industriali di media dimensione e da svariati forni e pasticcerie sparsi su tutto il territorio, che insieme realizzano circa la metà del fatturato complessivo dei dolci tipici senesi.
Un altro aspetto del legame del prodotto con il territorio senese è dato dall’esistenza in città di un singolare indotto, proveniente dalla tradizione degli speziali e rappresentato dalla decorazione delle confezioni del prodotto secondo forme che si richiamano al neogotico ed al liberty floreale. Su questa attività si è sviluppata fin dalla fine dell’800 ad opera degli artisti senesi una vera e propria scuola e si è consolidato uno speciale stile definito “stile panforte”.
Nel maggio 2013 ha ottenuto la registrazione IGP dall’Unione Europea.

linea
Scheda tecnica
Origine
L’intero territorio amministrativo della Provincia di SIENA.

linealinea
Tipologia
Panforte bianco; Panforte nero. Viene confezionato avvolto in confezioni di carta o cartoncino. Può essere presente un preincarto in materiale per uso alimentare. Nel caso in cui il prodotto venga commercializzato al taglio, ciascun spicchio o quadrello dovrà comprendere una parte della fascetta di contenimento.

linealinea
Utilizzo
Nato come dolce natalizio oggi si trova e viene consumato tutto l’anno. E’ ottimo accompagnato da un buon Vin Santo o Moscadello di Montalcino.

linealinea
Valori Energetici
Valori per 100 grammi di prodotto: Energia 386/400 Kcal (secondo la versione); Grassi g. 9,5; Carboidrati g. 68,7; Proteine g. 6,4.

Indirizzi Utili
CONSORZIO PANFORTE DI SIENA IGP
C/o C.C.I.A.A. - Piazza Matteotti, 30 - 53100 - SIENA
Tel.+39 0577 202540

linea




back